ARERA, bonus acqua

Dal sito ARERA, oggi segnaliamo il Bonus Acqua. Dal 1 luglio 2018, infatti, è possibile richiedere il bonus sociale idrico o bonus acqua per la fornitura di acqua. Si tratta di una misura volta a ridurre la spesa per il servizio di acquedotto di una famiglia in condizione di disagio economico e sociale. E’ stata prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016, emanato in forza dell’articolo 60 del cosiddetto Collegato Ambientale (legge 28 dicembre 2015, n. 221) e successivamente attuata con provvedimenti dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno. Tale quantitativo è stato fissato in 50 litri giorno a persona (18,25 mc di acqua all’anno), corrispondenti al soddisfacimento dei bisogni essenziali.

Tutte le informazioni su Chi ne ha diritto, Come e dove si richiede, Quanto vale il bonus e come si riceve, Rinnovo e variazioni, Bonus integrativo locale, sono indicate sulla pagina Bonus Acqua del sito ARERA.

  • Daniele Massazza
Annunci

ARERA, per iniziare bene il 2019

Una segnalazione per iniziare bene il 2019: il sito dell’ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Si tratta di un’autorità formalmente indipendente che, come l’AGCOM, ha la funzione di favorire lo sviluppo di mercati concorrenziali nelle filiere elettriche, del gas naturale e dell’acqua potabile, principalmente tramite la regolazione tariffaria, dell’accesso alle reti, del funzionamento dei mercati e la tutela degli utenti finali (vedi wikipedia).

Dal sito ARERA, oggi segnaliamo Il Portale Offerte. Online dal 1° luglio 2018, il Portale Offerte raccoglie e pubblica tutte le offerte presenti sul mercato di vendita al dettaglio elettrico e gas naturale. Su queste pagine, clienti domestici, famiglie e piccole imprese possono confrontare e scegliere in modo semplice, chiaro e gratuito le offerte di elettricità e gas. Il Portale Offerte mette a disposizione un motore di ricerca di semplice utilizzo e offre una serie di informazioni utili sui mercati dell’energia elettrica e del gas e sulle novità di legge previste.

– Daniele Massazza

Ai bambini cattivi: CARBONE!!!

La fotografia qui sopra, scattata intorno al 1890 al Klondike Gold Rush Saloon, ritrae una delle ragazze del famoso bordello mentre gioca a biliardo indossando una tenuta professionalmente … molto comoda.

Così si è sempre pensato fino ad oggi…

In realtà, in questi giorni, questa fotografia sta diventando uno degli scatti più famosi del mondo, un’immagine destinata a entrare nella storia, a diventare così “virale” che neanche Ebola nella metropolitana di Londra si diffonderebbe così in fretta …

Il perchè è presto detto: alcuni ricercatori dell’Università Döbelin di Boccadasse hanno rinvenuto, sul retro di una stampa originale dell’epoca, un’annotazione scritta di proprio pugno dall’autore che rivela il vero soggetto dello scatto! Si tratterebbe di una previsione, una vera e propria profezia alla Nostradamus che, ad oltre 120 anni di distanza, indicherebbe con precisione le intenzioni del governo italiano Lega/M5S nei confronti del Terzo Settore!!!

La profezia, però, non riguarderebbe i 9 mesi di quasi assoluta inattività e proroghe riguardo la Riforma avviata dal precedente governo. I ricercatori hanno ragione di ritenere che il vero oggetto della profezia sia il comma 29 octiesdecies del maxiemendamento recentemente approvato in Senato (ho detto “IN Senato”, non “DAL Senato”).

Vediamo, dunque, di cosa si tratta.
Il comma in questione recita semplicemente: “L’art. 6 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 601, è abrogato“.
Apparentemente niente di eclatante.
Il testo abrogato, però, recitava:
Art. 6 – Riduzione dell’imposta sul reddito delle persone giuridiche
L’imposta sul reddito delle persone giuridiche è ridotta alla metà nei confronti dei seguenti soggetti:
a) enti istituti di assistenza sociale, società di mutuo soccorso, enti ospedalieri, enti di assistenza e beneficenza;
b) istituti di istruzione e istituti di studio e sperimentazione di interesse generale che non hanno fine di lucro, corpi scientifici, accademie, fondazioni e associazioni storiche, letterarie, scientifiche, di esperienze e ricerche aventi scopi esclusivamente culturali;
c) enti il cui fine è equiparato per legge ai fini di beneficenza o di istruzione;
c-bis) Istituti autonomi per le case popolari, comunque denominati, e loro consorzi.
Per i soggetti di cui al comma 1 la riduzione compete a condizione che abbiano personalità giuridica.

In soldoni, a partire dalla legge di bilancio 2017, l’IRES era passata dal 27,50 al 24% per tutti i soggetti coinvolti, mantenendo lo stesso livello di riduzione (50%), per quelli sopra indicati: una Società di Mutuo Soccorso o una ONLUS, ad esempio, pagavano il 12%.
Con la nuova legge di bilancio che, dopo panettone, caffè, ammazzacaffè e sambuchino, approderà alla Camera dei nonDeputati, TUTTI questi soggetti si troveranno di fronte ad un raddoppio dell’imposta: dal 12% al 24%.

Un giochino che dovrebbe costare un 118 milioni di euro nel primo anno, per salire poi nei due anni successivi.

Spieghiamolo con un esempio, restando nel mondo SOMS (perchè per altri, il discorso fa nausea per altri motivi): la SOMS di Zuppafredda è in regola con tutte le normative riguardanti il Mutuo Soccorso; si mantiene attraverso quote sociali, lasciti e donazioni, il ricavato di due raccolte fondi annuali e della cena sociale di fine anno; svolge la sua attività rispettando rigidamente quanto previsto da quell’insulto di legge che è la 3818/1886 riformata e ha organizzato un centro per il prestito GRATUITO di ausili, dispositivi e presidi medici, ai propri soci che ne avessero necessità; oltre a questo, assiste economicamente la famiglia di un bambino disabile (soci, ovviamente). QUESTO è il soggetto a cui verrà raddoppiata l’IRES!!! QUESTO E’ IL SOGGETTO CHE, DAL PUNTO DI VISTA DELLE IMPOSTE SUL REDDITO, VIENE PARIFICATO A … MEDIASET? JUVENTUS?

A quanto pare, fatto salvo un improbabile sussulto di dignità da parte di alcuni parlamentari di maggioranza, sarà così!

E’ evidente, dunque, come la teoria proposta dai ricercatori non possa che essere assolutamente fondata: la fotografia è davvero una profezia che, a distanza di oltre 120 anni, ha del miracoloso.

La nostra speranza (flebile, per altro) è che non saltino fuori altre documentazioni che, ad esempio, confermino l’ipotesi che lo slogan elettorale “Prima gli italiani!” altro non è che uno spot subliminale a favore della sodomia istituzionale..

– Daniele Massazza

… ma non sarebbe meglio sciogliersi e cambiare un po’?

Io credo che una Società di Mutuo Soccorso rappresenti l’unione di più persone che sottoscrivono liberamente, senza fini di lucro, un patto di reciproca assistenza tra eguali, allo scopo di soddisfare uno o più bisogni primari comuni che lo Stato o altri non possono, non riescono o non ritengono di dover soddisfare e a cui l’azione del singolo non può dare risposta adeguata.

In altre parole, vedo la Società di Mutuo Soccorso come un mezzo attraverso il quale un gruppo di persone, che si vogliono libere ed eguali, perseguono un fine comune, cioè la soddisfazione, o meglio, la liberazione da uno o più bisogni primari. E’ un po’ come la leva semplice che si studiava in fisica alla medie: la Società di Mutuo Soccorso è la leva che i soci appoggiano sul fulcro della solidarietà per sollevare il peso di un bisogno.
Come succede per le leve, perchè anche una Società di Mutuo Soccorso possa funzionare adeguatamente occorre che si verifichi tutta una serie di condizioni strettamente collegate tra loro: servono un numero minimo di soci e un certo ricambio generazionale tra loro; serve la disponibilità a lavorare in favore degli altri e in nome di quel patto di reciproca assistenza; serve una certa libertà riguardo la scelta degli obiettivi da perseguire; serve un ambiente normativo generale e dedicato degno di un Paese europeo.

Per quanto riguarda il numero dei soci, il ricambio generazionale e la disponibilità alla solidarietà e alla reciproca assistenza, basta guardarsi intorno: oggi, in Italia, il panorama del Mutuo Soccorso è rappresentato da qualche centinaio di piccole Società, da qualche decina di sodalizi di medie dimensioni e da pochissimi soggetti di grandi dimensioni. Quasi ovunque, le forze disponibili si basano su pochi irriducibili per sodalizio, l’età media supera spesso quota Fornero e il ricambio generazionale è pura utopia.

Riguardo la scelta degli obiettivi da perseguire, la situazione, forse, è ancora peggiore. La maggior parte delle Socetà di Mutuo Soccorso non ha saputo o non ha voluto riprendere possesso della propria identità: trasformatesi in una via di mezzo tra circolo ricreativo, pro loco occasionale e bar di paese, sembrano disposte a tutto pur di mantenere la loro attività concentrata sulle serate da balera, sulle cene sociali, sulle sagre del gnocco fritto. Qualcuna, con una certa dose di fantasia, di fatica e di coraggio, tenta di far apparire tutto ciò come attività sociale da centro di aggregazione; altre, sfruttando al meglio le classiche strutture delle nostre SOMS, si dedica alle attività culturali, puntando soprattutto sul teatro. In molti piccoli paesi, dove neanche il prete dice messa tutte le domeniche, non è cosa da poco, anzi, dovrebbe avere il diritto di chiamarsi Mutuo Soccorso.
Le Società che cercano seriamente di dedicarsi direttamente al Mutuo Soccorso si contano sulle dita di poche mani … e puntualmente, trovano qualcuno che cerca di convincerle che non è il caso: vuoi mettere i vantaggi e la comodità della “mutualità mediata” … basta pagare …
Certo, poi ci sono anche quelle poche che sono grosse, ricche e attive; ci sono le assicurazioni e le casse mutua travestite da S.M.S.; ci sono anche ben due diverse federazioni/associazioni nazionali, ovviamente in competizione tra loro: di queste, però, mi sembra abbastanza inutile discorrere qui.

La cosa peggiore che le Società di Mutuo Soccorso si trovano ad affrontare, però, è l’ambiente normativo. Fino al 2012, esisteva una legge che regolava la vita delle S.M.S.: la mai abbastanza rimpianta legge 3818 del 1886. A questa, si aggiungevano poche altre norme sparse, soprattutto dedicate ad aspetti fiscali o amministrativi. Siamo in Italia e, quindi, questa poca roba era sufficiente a incasinare la vita di un qualsiasi commercialista medio. Le Società di Mutuo Soccorso, però, fino ad allora, potevano muoversi ed agire con una certa facilità, comunque senza rischiare di incorrere in ispezioni folli, sanzioni, denunce, minacce di scioglimento e sequestri del patrimonio.
Bastava volerlo fare e metterci un minimo di attenzione.
Ad un certo punto, però, grazie ad un noto ministro di un noto partito oggi al governo, ci si accorse che in Italia c’erano troppe leggi e troppe erano vecchie, obsolete e non più applicate e si decise così di abolire tutte quelle che avevano superato un certo limite d’età. La nostra 3818 era tra quelle e rischiò seriamente di finire al macero.
Per fortuna, qualcuno si accorse che così le SOMS restavano senza normativa di riferimento.
Lasciata così com’era, la vecchia legge aveva si delle lacune ma manteneva almeno una certa dignità consegnatale dal tempo e dalle origini sabaude. Purtroppo, qualcuno decise di procedere ad “una revisione e ad un aggiornamento” … un po’ come voler mettere delle tette nuove ad un’ottuagenaria piatta: per carità, se il chirurgo non vuole risparmiare sul costo delle protesi e non pensa solo alla sua parcella, può anche capitare che il lavoro non sia così deprimente … ma non fu questo il caso.
Rifatta la legge, le S.M.S. si trovarono catapultate su una giostra di interrogazioni parlamentari, chiarimenti ministeriali, decreti attuativi, collegati, circolari d’agenzia, confuse ridicolaggini di federazione … e così, senza che nessuno riuscisse a capirci più di tanto (fatto salvo chi nel frattempo faceva i propri interessi), si arrivò alla Riforma del terzo settore e alle successive e tanto agognate modifiche … che, ovviamente, sono ancora incagliate nella solita giostra di decreti attuativi, circolari, deroghe …
Insomma, più che un quadro normativo decente, un qualsiasi livornese con un minimo di educazione e di conoscenza del proprio vernacolo lo definirebbe un Troiaio!

Detto ciò, pare abbastanza evidente che ci si trovi davanti ad una situazione di questo genere: le Società sono soprattutto piccole, con mezzi economici limitati e con limitate possibilità di aumentare le proprie disponibilità; l’età media dei soci è piuttosto alta ed il ricambio generazionale piuttosto basso o quasi nullo; l’interesse e la volontà di dedicarsi ad attività di solidarietà sociale sono molto discutibili; la scelta del campo d’azione è stata ulteriormente ridotta dalla “rinnovata” l. 3818/1886, che ha rinchiuso in maniera mirata e quasi esclusiva l’attività delle S.M.S. nel mondo della sanità complementare.

A fronte di tutto ciò, si può ancora sostenere che lo strumento Società di Mutuo Soccorso è in grado di funzionare adeguatamente allo scopo di perseguire in maniera solidale un fine comune per liberarsi o soddisfare un bisogno primario?

Io credo di no. E credo che, quando uno strumento non funziona più o quando se ne trova uno che funziona meglio, sia giusto sostituirlo.
Insomma, credo che sia venuto il momento di cominciare a guardare con maggiore attenzione ad alcuni dettagli della tanto discussa Riforma del Terzo Settore che riguardano le Società di Mutuo Soccorso per verificare se non sia il caso di pensare ad un cambiamento. In fondo, l’obiettivo non dovrebbe essere il salvaguardare gli strumenti di lavoro ma proteggere e migliorare i risultati del lavoro stesso…

Hai visto mai che un’Associazione di Mutuo Soccorso, con meno vincoli e legacci (anche se con qualche agevolazione in meno), non riesca a fare meglio? Hai visto mai che la soluzione sia quella di uno scioglimento/cambiamento?

– Daniele Massazza

P.S. Capisco che qualcuno si chiederà come posso pensarla in questo modo e restare a rappresentare SOMS Insieme. Anche se è vero che SOMS Insieme, per statuto, si rivolge e raccoglie Società e Associazioni che si dedicano al Mutuo Soccorso, è una riflessione che sto facendo anch’io, accompagnata da tante altre…