Covid-19: SOMS e kit di protezione

Come è ormai noto a molti anche al di fuori dei nostri sodalizi, le Società di Mutuo Soccorso che aderiscono a SOMS Insieme offrono ai propri associati tutta una serie di servizi mirati soprattutto al supporto in caso di malattia ed infortunio: si va dalle convenzioni con strutture di tipo ospedaliero ed ambulatoriale alla ricerca di strutture di alloggio ed accoglienza per le trasferte dovute a motivi di salute, al prestito gratuito di ausili e dispositivi medici.

Purtroppo, un’ASSURDA modifica legislativa risalente al 2012 ha molto limitato l’attività delle Società di Mutuo Soccorso nel campo della prevenzione vera e propria. Queste, infatti, possono intervenire a favore dei propri soci in caso di malattia o di infortunio ma poco possono fare per impedire che uno di loro si ammali o si infortuni: ampia possibilità di manovra per sostenere i soci durante le fasi della diagnostica, della terapia o della riabilitazione, possibilità sostanzialmente azzerate per il sostegno nelle attività di prevenzione.

In realtà, qualcosa di buono le SOMS riescono comunque a fare e ciò è dimostrato dalle numerose giornate dedicate alle visite cardiologiche, dermatologiche, oftalmiche, offerte gratuitamente ai propri soci e non solo. A ben guardare la normativa di cui sopra, però, si tratta di attività che da sole non basterebbero a qualificare una Società come una Mutuo Soccorso. Tanto per fare un esempio legato ai giorni nostri, se una SOMS potesse distribuire ai propri soci mascherine FFP3 e disinfettanti in quantità, dovrebbe farlo per promuovere il mutualismo come valore sociale e non per offrire ai propri associati uno strumento di prevenzione e questa, comunque, non sarebbe considerata un’attività qualificante… Geniale, vero?

Per fortuna, in quasi due secoli di storia, le SOMS hanno imparato che il sostegno offerto alle persone, a volte anche quello psicologico, spesso, conta di più della rigorosa applicazione di un articolo di legge. Così, mentre SOMS Insieme ha fornito a tutti i Centri di Prestito Ausili e Dispositivi Medici una dotazione di kit per la protezione individuale, le Società di Mutuo Soccorso di Carezzano, Vhò e Viguzzolo hanno deciso di distribuire, a proprie spese, un identico kit ai loro associati.

Si tratta di kit composti da composti da cuffia, mascherina, camice e calzari, tutti rigorosamente monouso, che, come ben spiega la lettera del presidente de “La Fraterna” di Viguzzolo, NON SONO ADATTI ad assistere un paziente affetto da Covid-19, nè a garantire la propria protezione diretta ma che possono comunque essere utilizzati a scopo precauzionale.

Ricordate, però, che la migliore prevenzione, in questi giorni, la si fa seguendo alla lettera le raccomandazioni fornite dalle autorità e soprattutto RESTANDO A CASA e limitando allo stretto indispensabile ogni spostamento.

SOMS Insieme e tutte le Società aderenti colgono l’occasione per ringraziare la Croce Rossa di Tortona per le informazioni e la collaborazione offerta. Per il lavoro svolto in questi giorni … non ci sono parole!

  • Daniele Massazza

Prestazioni Ospedale Tortona

CONDIVIDIAMO LA COMUNICAZIONE DAL SITO ASL/AL SULLE PRESTAZIONI ALL’OSPEDALE DI TORTONA

Tortona: ecco quali sono le prestazioni offerte dall’Ospedale e dal Distretto, oltre il COVID HOSPITAL

Degenza dedicata ai pazienti affetti da coronavirus ma anche attività ambulatoriale urgente

TORTONA – Si sta riorganizzando progressivamente l’attività dell’ospedale SS Antonio e Margherita, dopo che la Regione Piemonte lo ha destinato ad essere il primo COVID HOSPITAL piemontese, cioè presidio per il ricovero di soli pazienti affetti da coronavirus.I posti letto sono ripartiti tra Rianimazione -10 cui si aggiungeranno altri 2,20 di terapia intensiva, 21 letti a bassa intensità di cura per i pazienti meno gravi nei locali della ex Ortopedia, 39 posti tra Medicina 1 e Medicina 2, e 19 saranno resi disponibili nel reparto di riabilitazione.
Chi è attualmente ricoverato, affetto da Covid 19, non può ricevere visite dai parenti ma può ricevere indumenti e quanto necessario durante la degenza attraverso la consegna dei pacchi in apposite postazioni al Punto Informativo – URP aperto nei locali ex laboratorio analisi, di fianco all’ingresso carraio, nella fascia oraria 12.00 – 15.00.

Ma oltre all’attività di ricovero, in ospedale funzionano alcuni dei servizi sanitari ambulatoriali, anche se con limitazioni.

Prestazioni ambulatoriali
Le prestazioni ambulatoriali (visite e diagnostica come radiografie, ecografie, ecc.) prenotate con indicazione di priorità di classe D “differibile” e P “programmabile” sono sospese, mentre quelle di classe U “urgente” e B “breve” sono garantite ma con modalità di accesso diverse a seconda del tipo di esame.
Chi avesse prenotazioni in classe D e P non deve presentarsi in ambulatorio,e tutti i prenotati sarannocontattati telefonicamente dal personale ASL.

Radiologia
Il servizio didiagnostica radiologica è attualmente attivo solo per i ricoverati presso il COVID HOSPITAL. Non si effettuano altre attività. Tutte le prestazioni ambulatoriali di classe “U” e “B” vengono dirottate sull’ospedale di Novi Ligure.

Interventi chirurgici
Gli interventi chirurgici su pazienti oncologici (mammella, colon e retto) continuano, con l’equipe di Tortona diretta dal dottor Luca Lenti, nelle sale operatorie dell’ospedale di Novi Ligure.

Ambulatorio di Chirurgia
Dal 16/03/20 sarà attivo un ambulatorio di visite chirurgiche, le prestazioni erogate sono “prima visita chirurgica” e “prima visita chirurgia seno”, per le pazienti della BREAST UNIT.
Aquesto ambulatorio possono accedere esclusivamente pazienti oncologici o con sospetto, ed è possibile prenotare solo le impegnative che riportano come classe di priorità U e B.
L’ambulatorio sarà aperto il martedì e prevedrà l’accesso dall’entrata carraia ai soli pazienti prenotati, identificati dal personale di vigilanza.

Day Hospital Oncologico
Le chemioterapie vengono effettuate regolarmente.
Si effettuano solo visite CAS e rivalutazioni.
I follow up vengono gestiti telefonicamente.
L’accesso deve essere effettuato dalla vecchia portineriain piazza Cavallotti, ed è consentito ai soli pazienti,senza accompagnatori, già precedentemente contattati dal personale di reparto ed identificati dal personale di vigilanza.
Per informazioni è possibile telefonare ai numeri
0131 865604 – 0131865603 – 0131865440 – 0131865279

Centro Trasfusionale
Il centro trasfusionale dell’Ospedale di Tortona effettuatrasfusioni, salassi, visite trasfusionali e visite del centro emostasi e trombosi  su prescrizione con classe di priorità “U” e “B”.
L’orarioè quello normale, 10.30 – 15.00 da lunedì a venerdì.
Per informazioni si può contattareil numero: 0131 865327 e il 3383491246.
L’accesso deve essere effettuatoda via Sada con

  • Pass per chi è già registrato
  • Impegnativa classe “U” e “B”
  • Prescrizione rossa del centro trasfusionale

Servizio Dialisi
Il servizio di dialisi non si è mai interrotto dall’inizio dell’emergenza. I pazienti esterni, senza sintomiarrivano dal domicilio con l’ambulanza. Da subito i pazienti sintomatici (tosse e/o febbre)sono stati ricoverati, isolati e sottoposti a tampone. I pazienti positivi vengono dializzati a parte (inizialmente in turno notturno, ora pomeridiano), in turno dedicato, con personale dedicato e sanificazione immediatamente successiva.
Tutte le visite sono sospese tranne quelle con classe di priorità “U” e “B”.I nefrologi sono disponibili al confronto telefonico con i medici di famiglia sulle problematiche dei singoli pazienti in carico.

Servizio di farmacia
Il servizio di farmacia per la distribuzione diretta di farmaci esclusivi è funzionante nel normale orario (9.00-13.00, da lunedì a venerdì) con alcune restrizioni all’accesso.
Si accede da via Sada,possibilmente con piano di terapia (se non se ne è in possesso è possibile far contattare il personale di farmacia). E’ consentito l’accesso ad un unico utente alla volta e va mantenuta una distanza di almeno 1 metro dall’operatore. Per informazioni si può telefonare al numero 0131865507.

Riabilitazione
Le visite presso l’ambulatorio di Riabilitazione sono sospese, tranne quelle con classe di priorità “B” per post-acuti, che si possono effettuare in tutte le altre sedi dell’ASL AL.
Altre prestazioni ambulatoriali vengono erogate presso la sede del distretto in via Milazzo.

Esami e prestazioni attive presso il Distretto di Tortonain via Milazzo

Terapia Anticoagulante Orale
Al Distretto di Tortona (piano terra) si effettuano gli esami ematochimici (ospedalieri)-TAO dalle ore 08.00 alle ore 10.30 dal lunedì al venerdì con ritiro referti dal lunedì al venerdì dalle 11.00 alle 15.00.

Referti radiologici e holter
I referti radiologici e gli holter si ritirano al piano terra del distretto tutti i giorni dalle 11.00 alle 15.00

Ambulatorio infermieristico e vulnologia
Al distretto è regolarmente in funzione l’ambulatorio infermieristico, il servizio vaccinazioni e tutte le prestazioni prenotate di classe “U” e di classe“B”, oltre all’esecuzione dei prelievi di sangue.
Lavorano anche l’ambulatorio infermieristico di vulnologia e quello medico vulnologico il lunedi (8.00-13.00), il mercoledì (8.00-16.30) e il giovedì (8.00- 16.30)

Medicina sportiva
E’ sospesa l’attività di Medicina Sportiva.

Screening
L’attività di screening è sospesa.

Rilascio/rinnovo patenti
Sono aperte le prenotazioni per le visite di rilascio o rinnovo della patente di guida, con orari invariati.

Servizi Amministrativi Distretto di Tortona
La segreteria della Direzione di Distretto è contattabile per informazioni al numero tel. 0131 865215 dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 – 12,00.

Ufficio Assistenza Protesica
Orario di apertura: lunedì e giovedì ore 8,30 – 10,30 per protesi ed ausili
martedì 8,30 – 10,30 per stomie, cateteri ed alimenti aproteici, le cui richieste potranno essere inoltrate anche telefonicamente e successivamente inviate via mail alle farmacie indicate.
Per informazioni tel. 0131 865692 – 0131 865495 – 0131865843 oppure inviare mail a: protesica.distretto.nt@aslal.it

Sportello Unico
L’attività di front-office è temporaneamente sospesa.
Per informazioni tel. 0131 865841 dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 11,30 oppure inviare una mail a: sportellounico.tortona@aslal.it
Le visite di valutazione delle commissioni U.V.G. e U.M.V.D. sono sospese fino al 03.04.2020.

Ufficio Assistenza Integrativa
Il ritiro dei materiali ordinati è possibileprevio appuntamento telefonico dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 (tel. 0131 865860).
Per la trasmissione dei piani terapeutici si raccomanda di utilizzare la mail: distretto.novitortona@aslal.itcosì come per ordini di materiali.

Casa della Salute di Castelnuovo
Presso la Casa della Salute di Castelnuovo sono garantiti gli esami ematochimici così come negli ambulatori periferici ad essa afferente, l’ambulatorio infermieristico e tutte le prestazioni di classe “U” e “B”.
L’Ambulatorio medico vulnologico sarà operativo il lunedì dalle 14.00 alle 17.00.
Sono sospese le spirometrie e lo screening sulle feci.
Continua normalmente l’attività vaccinale.

Ultimo aggiornamento: 13/03/20

Resta a casa e uccidi la noia

“Restate a casa!”
Ormai, in questi tristi tempi da segnati dal contagio non si sente dire altro.
Alla televisione, alla radio, sui giornali, sui social: “Restate a casa!”
E mai una raccomandazione fu così intelligente!
Si, però, a casa tutto il giorno cosa faccio?
Sei tra quelli che non possono lavorare con telefono e computer? Sei uno dei pochi che non hanno lavoretti casalinghi rimandati per settimane? I tuoi hobbies non sono per niente compatibili con lo spazio di un appartamento?
Vabbè, vediamo se riusciamo a darti qualche suggerimento utile su come far passare questo periodo di “fermo biologico”.

Intanto, per prima cosa, possiamo segnalarti le nostre pagine dedicate agli audiolibri: un centinaio di titoli da scaricare e ascoltare in tutta tranquillità, perfetti anche (ma non solo) per chi ha problemi di vista o, semplicemente, non ha un buon rapporto con le pagine stampate.

Assolutamente da non perdere, Quarantena da scrocco, servizio fornito da “Lato B, l’altro lato di Milano, spazio indipendente di socialità musica cultura politica diritti”. Qui è possibile trovare un vero tesoro di armi per ammazzare la noia:

  • il cinema della Fondazione Cineteca Milano;
  • i corsi online MOOC (Massive Open Online Courses);
  • libri, audiolibri e documenti dal Sistema Bibliotecario Milanese, da Rai Play Radio, dalle Biblioteche Vaticane;
  • le visite virtuali a Musei, monumenti, edifici storici come il Duomo di Milano o il Castello Sforzesco, i Musei Vaticani, la Pinacoteca di Brera, il Louvre, il British Museum, il Metropolitan Museum …;

Infine, il Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione ha aperto una pagina dedicata alla Solidarietà Digitale. Qui, imprese e associazioni hanno messo e metteranno a disposizione di tutti un piccolo mondo di servizi particolarmente interessanti e, soprattutto, gratuiti: abbonamenti a quotidiani, riviste, canali tv, telefonia, corsi online, servizi per lo smart working e per la scuola … davvero un po’ di tutto.

Ricordati, però, che la cosa più facile e spesso più appagante, è quella più semplice: aprire un libro e lasciarsi trasportare dalle parole … Se sei fortunato, crea dipendenza e poi, lo puoi leggere ad alta voce, anche a tuo figlio e al nonno.

 – SOMS Insieme

Comunicato ai Centri di Prestito Ausili e Dispositivi medici

COMUNICATO SOMS Insieme

Alle Società di Mutuo Soccorso che gestiscono i
Centri di Prestito Ausili e Dispositivi Medici SOMS Insieme

In considerazione dell’attuale situazione e del poco che si conosce di certo (almeno per quanto ci riguarda) sulle caratteristiche specifiche del coronavirus, si raccomanda a tutti i soci coinvolti nella gestione dei Centri di Prestito Ausili e Dispositivi Medici quanto segue:

  • il ritiro di tutti i presidi e gli ausili che rientrano da prestito deve essere come sempre preceduto da un’adeguata sanificazione o quanto meno da una approfondita pulizia. Per quanto riguarda i prodotti da usare, i suggerimenti ricevuti indicano una soluzione contenente tra il 60 e il 70 per cento di etanolo (alcol etilico) oppure l’impiego di una soluzione di acqua ossigenata allo 0,5 per cento o di candeggina (sodio ipoclorito) allo 0,1 per cento. Il tutto, ovviamente, condito dalla solita dose di buon senso: la buona e cara candeggina usata sulla seduta o sullo schienale di una carrozzina con ogni probabilità elimina il coronavirus ma di sicuro i colori non staranno meglio;
  • il ritiro e la pulizia del materiale in rientro da un prestito vanno fatti indossando i guanti e prestando le opportune attenzioni;
  • qualora non fosse possibile procedere al trattamento del materiale che rientra da prestito al momento del ritiro, questo NON deve essere conservato con altro materiale mai prestato o già sanificato.

Si ricorda che, in caso di richieste provenienti da soci in quarantena o positivi al virus, è necessario assumere i comportamenti più idonei e verificare l’esistenza di procedure stabilite dalle autorità. In OGNI caso, visto che siamo Società di Mutuo Soccorso, se il dispositivo richiesto è disponibile, il rifiuto del prestito è assolutamente da escludere.

A vostra discrezione: fermo restando che i soci hanno sempre un diritto prioritario rispetto a chiunque altro, esclusivamente in questo periodo di emergenza e solo in caso di necessità, si suggerisce di concedere il prestito degli ausili e dei dispositivi disponibili anche agli associati di altre Società di Mutuo Soccorso della zona. In questo caso, il prestito dovrà essere concesso alla Società di appartenenza che si farà garante della restituzione e non al singolo socio.

 

  • Daniele Massazza
    SOMS Insieme – Laboratorio di Mutuo Soccorso

Coronavirus: e vabbè, diciamo anche noi la nostra …

Uno spettro si aggira per l’Europa: lo spettro del coronavirus. Tutte le potenze della vecchia Europa si sono coalizzate in una sacra caccia alle streghe contro questo spettro. Hanno parlato virologi e veline, medici e giornalisti, politici e allenatori, psicologi e fruttivendoli, becchini e paraculi di ogni razza, sesso e religione … e, allora, chi siamo noi per non dire niente? Anche noi vogliamo dire la nostra! E vogliamo dirla su due cose in particolare:

1) l’igiene delle mani,

2) le famigerate mascherine.

Per prevenire il rischio di infezione anche da Coronavirus è fondamentale curare l’igiene delle mani. LA-VA-RSI BE-NE LE MA-NI. E, stando a quel che si sente, non è mica vero che le mamme fanno sempre un buon lavoro. L’immagine che segue può dare un’indicazione pratica di come ci si dovrebbe lavare le mani … normalmente e non solo prima di entrare in sala operatoria.

E vorrei far notare la vignetta numero 10 …

Adesso che abbiamo la manine abbastanza pulite da poterci mangiare una slerfa di focaccia bella unta, possiamo passare a lei, l’oggetto del desiderio di ogni italiano: la mascherina.

Intanto, parlando di questi tristi giorni, chiariamo che può essere utile indossare anche una mascherina SOLO se si ha il sospetto di aver contratto il nuovo coronavirus e si presentano sintomi quali starnuti o tosse, oppure nel caso ci si debba prendere cura di una persona per cui si sospetta un’infezione. La mascherina NON è necessaria per la popolazione generale in ASSENZA di sintomi di malattie respiratorie e, soprattutto, due mascherine non è megl che uan. In questi giorni, ho visto gente con due mascherine sovrapposte: se lo scopo è quello di attirare l’attenzione di qualche cameraman in cerca di immagini strane può anche funzionare; dal punto di vista della sicurezza … lasciamo perdere.

Detto ciò, se una mascherina vi serve, vi fa sentire più al sicuro o semplicemente vi attizza ‘sta storia di somigliare a quelli di Grey’s Anatomy, dovete considerarla a tutti gli effetti come uno strumento, tipo un cacciavite se volete. Solitamente non la vendono con le istruzioni per l’uso, come anche i cacciaviti, ma ciò non toglie che la si deve saper usare, altrimenti non serve nemmeno quando è la mascherina giusta (ci sono anche quelle sbagliate) al momento giusto. Quindi:

  • prima di indossare la mascherina, lavarsi le mani con acqua e sapone o con una soluzione alcolica;
  • coprire bocca e naso con la mascherina assicurandosi che aderisca bene al volto;
  • evitare di toccare la mascherina mentre la si indossa; se la si tocca, lavarsi le mani;
  • quando diventa umida, sostituirla con una nuova e non riutilizzarla: si tratta di maschere monouso
  • togliere la mascherina prendendola dall’elastico e non toccare la parte anteriore della mascherina
  • gettarla immediatamente in un sacchetto, richiuderlo e lavarsi le mani.

Nel prossimo post, in esclusiva planetaria che anche la CNN ed i cinesi hanno già fatto fior di offerte per acquistarne i diritti, la ricetta dell’unica vera arma di prevenzione contro gli untori da coronavirus, l’unico strumento che vi permetterà di prendere la metro nell’ora di punta senza correre il rischio di farvi tossire sul collo: la sola, inimitabile, inarrivabile …

… SUSPENSE…

… intanto che aspettate, però, due paginette di Manzoni potrebbero aiutare a passare il tempo … La Storia della Colonna Infame?
Certo che, a qualcuno di quelli che contano, frasi tipo “La falsa coscienza trova più facilmente pretesti per operare che formole per render conto di quello che ha fatto” potrebbero ancora far bene!

– Daniele